Buongiorno a chi resta e lotta per un avvenire incerto. Perché non ha il coraggio di andare via. Perché non può andare via. Buongiorno a chi resta e ride, a chi resta e piange, a chi ride e poi piange.

Buongiorno a chi resta e continua ad immaginare di poter andar via. Un giorno. Forse mai. Buongiorno a chi resta rammentando momenti felici, a chi resta pur non avendone mai avuti.

Buongiorno a chi resta e scappa solo guardando il cielo, a chi resta ed eterna con un verso il proprio mare, lo stesso che ha visto in tempesta e poi lentamente oscillare. Buongiorno a chi resta senza biasimare il proprio territorio, a chi resta a guardarlo senza immaginarne uno migliore. Buongiorno a chi lo difende e a chi tenta di valorizzarlo.

Buongiorno a chi resta sperando di far crescere nei vicoli di infanzia i propri figli, a chi aspira a donar loro un’identità. Buongiorno a chi resta e va controtendenza, a chi confida nel cambiamento rischiando l’immutabilità.

Buongiorno a chi resta perché legato da fili invisibili, come pupo di legno variopinto, alla propria terra.

Forse perché la terra che gli ha dato i natali è il solo posto in cui si sente al sicuro, una prigione dalla quale progetta di evadere sprovvisto di un piano. Forse perché non conosce un luogo migliore e crede che il sole muoia al di là della costa. Forse perché crede di scovare l’incommensurabile dinanzi al quale teme di sentirsi piccolo e insignificante. Forse perché lo è, forse perché non lo è abbastanza.

Non condannerò il sistema capitalistico o la sordità sociale ma la Paura che ha affievolito la volontà, il Silenzio insalubre che ci ha resi timidi reazionari.

Oggi ho deciso di debellare il silenzio con l’inchiostro della mia penna e di atterrare la paura chiamandola per nome. Oggi io scrivo, guidata dalla mia coscienza: Addio Indifferenza.


Premessa – La farfalla                                                                                                                                                                                                                                    La riscoperta


Testo a cura di Erika Magistro

Illustrazioni di Delia Sambataro